Cilindri Europei

Cilindri europei: aumentare la sicurezza attraverso la serratura.

Cilindri europei

Lo stadio successivo alla comune serratura di casa.

Stando ai dati delle denunce raccolte dalle forze dell’ordine, in Italia il 60% dei furti con effrazione avviene attaccando la porta principale, percentuale che può arrivare anche al 90% in ambito cittadino, dato che ai piani alti dei palazzi e dei condomini è più difficile per i ladri utilizzare gli altri accessi. Infatti basta un comune ferro bulgaro per poter aprire una serratura a doppia mappa. Le serrature di tipo Yale sono addirittura più semplici da scassinare. Come fare quindi? Adottando i cilindri europei.

Il funzionamento di un cilindro a profilo europeo è lo stesso di un cilindro universale, ma con alcune differenze che ne incrementano notevolmente la sicurezza: la chiave non viene inserita verticalmente, ma orizzontalmente, quindi i pistoncini si appoggiano dentro i fori presenti sulla lama: ci sono tolleranze più strette rispetto al cilindro universale, infatti lo scasso tramite grimaldelli risulta più complicato. Un’altra differenza sta nel fatto che in un cilindro a profilo europeo (o svizzero) ci possono essere più serie di pin, ovvero: osservando la chiave in alto nell’immagine si vedono due serie di fori sulla parte piatta e una serie sul lato, questo perché nel cilindro ci sono tre serie di pin: è un fattore di sicurezza in più.

Una chiave per cilindro europeo, oltre ad essere più piccola e pratica, è tendenzialmente anche più difficile da duplicare. Questo perché oltre a replicare l’altezza dei denti va usato anche lo stesso profilo di chiave, altrimenti questa non funziona. Di profili ne esistono molti, alcuni dei quali brevettati, che possono essere duplicati solo da centri autorizzati e solo da chi esibisce una tessera di proprietà. Ovviamente non è che un cilindro europeo risolva tutti i problemi. Se la porta non è robusta è inutile sperare che basti la nuova serratura a fermare i ladri.